Archivio testo: Senza categoria

Esempi di Consonanza

GLOSSARIO DI METRICA

CONSONANZA

– ESEMPI –



Significato


Si chiama consonanza l’affinità di suono che sussiste tra due parole che nella loro parte finale (la parte che va dalla vocale accentata alla fine della parola) hanno le medesime consonanti, ma non le medesime vocali.

In altri termini, due parole sono legate da consonanza, se nella loro parte finale (la parte che va dalla vocale che porta l’accento in poi), presentano le medesime consonanti, ma non le medesime vocali (es. séra e dùro).

Sulla base di quanto detto, si può capire che la consonanza è una una corrispondenza dello stesso tipo della rima, ma molto meno precisa, perché non coinvolge le vocali.

Torna su


Esempi di consonanza:


Esempio 1:


mùro – pùro

è una rima

mùro – péra

è una consonanza

Pubblicità

Esempio 2:


vìta – smarrìta

è una rima

vìta – mùto

è una consonanza


Esempio 3:


pàrco – vàrco

è una rima

pàrco – fòrca

è una consonanza


Esempio 4:


Signòre – splendòre

è una rima

Signòre – màre

è una consonanza

Pubblicità

Esempio 5:


Tèrra – fàrro – màrra

è una consonanza


Esempio 6:


mortàle – porcìle

è una consonanza


Esempio 7:


càpra – lèpre

è una consonanza


Esempio 8:


tra gli scogli parlòtta la marétta

è una consonanza

(E. Montale,  Maestrale)