Archivio testo: Amore e’l cor gentil sono una cosa

Figure Retoriche Amore e ’l cor gentil sono una cosa

AMORE E ’L COR GENTIL SONO UNA COSA

FIGURE RETORICHE


PRIMA QUARTINA


Amore e ’l cor gentil sono una cosa,

sì come il saggio in suo dittare pone,

e così esser l’un sanza l’altro osa

com’alma razional sanza ragione.

[vv. 1 – 4] Il saggio: Guido Guinizzelli è per antonomasia, il saggio in materia di amore; suo dittare: Al cor gentil rempaira sempre amore è per antonomasia “il dittare” (ovvero il componimento) in cui Guinizzelli pone i cardini della teoria amorosa stilnovista; sì come il saggio in suo dittare pone = sì come pone il saggio in suo dittare: iperbato; e così esser l’un sanza l’altro osa = e così osa essere l’un sanza l’altro: iperbato; e così … come: adynaton (figura che consiste nell’affermare l’impossibilità di qualcosa attraverso il confronto con un’altra cosa, che viene descritta con una perifrasi iperbolica e paradossale).


SECONDA QUARTINA


Falli natura quand’è amorosa,

Amor per sire e ’l cor per sua magione,

dentro la qual dormendo si riposa

tal volta poca e tal lunga stagione.

[vv. 5 – 8] Amor: personificazione; Sire … magione: metafora del rapporto che lega amore e cuore nobile; sire…dormendo…riposa: continuazione della precedente personificazione di Amore, con l’attribuzione di comportamenti ed atti umani a qualcosa (il concetto di Amore) che umano non è.

Pubblicità

PRIMA TERZINA


Bieltate appare in saggia donna poi,

che piace a li occhi sì, che dentro al core^

nasce un disio de la cosa piacente;

[vv. 9 – 11] dentro al core^nasce: enjambement.


SECONDA TERZINA


e tanto dura talora in costui,

che fa svegliar lo spirito d’Amore.

E simil face in donna omo valente.

E simil face in donna omo valente = e simil face omo valente in donna: iperbato.