Archivio testo: Il libro della memoria e la prima apparizione di Beatrice

La prima apparizione di Beatrice: la reazione degli spiriti

DANTE ALIGHIERI

LA PRIMA APPARIZIONE DI BEATRICE

da LA VITA NUOVA


La reazione degli spiriti

Per descrivere con efficacia quali profondi sconvolgimenti fisici ed emotivi la prima visione di Beatrice abbia provocato nel suo animo, Dante rappresenta i propri moti interiori in maniera sceneggiata, attraverso la personificazione dei singoli spiriti delegati alle funzioni vitali e la drammatizzazione delle loro reazioni all’apparire della fanciulla (idea che Dante riprende da Cavalcanti).

1. Lo spirito vitale comincia a tremare al punto che il poeta avverte la pulsazione fin nelle vene più piccole. Non solo: lo stesso spirito presagisce e dichiara – in latino – l’arrivo di un dio fortissimo – l’Amore – destinato a prendere il controllo sulla vita del poeta.

Pubblicità

2. Lo spirito animale si meraviglia fortemente, e, rivolgendosi agli spiriti deputati al senso della vista, prende atto del fatto che un’altissima fonte di gioia è apparsa per gli occhi del poeta.

3. Lo spirito naturale presagisce e preannuncia l’inizio di un periodo di mancanza di appetito (causato dallo stato di inappetenza caratteristico di chi è innamorato).