Archivio testo: In dubbio di mio stato or piango or canto

Parafrasi In dubbio di mio stato or piango or canto

FRANCESCO PETRARCA

IN DUBBIO DI MIO STATO OR PIANGO OR CANTO

– PARAFRASI DEL TESTO –


In dubbio di mio stato, or piango or canto,

et temo et spero; et in sospiri e ’n rime

sfogo il mio incarco; Amor tutte sue lime

usa sopra ’l mio core, afflicto tanto.

[vv. 1 – 4] Nel mio stato di dubbio (il poeta non sa se Laura sia ancora in vita o invece morta), a volte piango, a volte canto, e provo sia timore, sia speranza; sfogo il peso che mi opprime con i sospiri e con la poesia; e Amore usa tutte le sue lime (ossia usa tutti gli strumenti di cui dispone per tormentare il poeta) sul mio cuore così afflitto.


Or fia già mai che quel bel viso santo

renda a quest’occhi le lor luci prime

– lasso, non so che di me stesso estime –

o li condanni a sempiterno pianto?

[vv. 5 – 8] Accadrà mai, che quel bel viso santo (il viso di Laura) restituisca ai miei occhi la loro luce di un tempo (ossia ricompaia agli occhi del Petrarca), o invece – povero me, non so cosa pensare di me stesso – accadrà che esso (sogg.: ancora il volto di Laura), condannerà i miei occhi ad un pianto senza fine (qualora non si mostri mai più al poeta)?

Pubblicità

et per prender il ciel, debito a lui,

non curi che si sia di loro in terra,

di ch’egli è il sole, et non veggiono altrui?

[vv. 9 – 11] e (accadrà) che esso (il volto di Laura), per entrare nel paradiso, che gli è dovuto (per i suoi meriti), non si darà pensiero di cosa avvenga sulla terra a loro (agli occhi del poeta), per i quali esso (il volto di Laura) è il sole e che non guardano ad altro?


In tal paura e ’n sí perpetua guerra

vivo ch’i’ non so piú quel che già fui,

qual chi per via dubbiosa teme et erra.

[vv. 12 – 14] In un simile stato di paura (la paura di non rivedere mai più Laura) e di guerra incessante (la guerra fra speranza e timore) io vivo in modo tale da non sapere più chi io sia stato in passato, come colui che, percorrendo una via incerta, prova timore e vaga smarrito.