Archivio testo: Federigo degli Alberighi

Riassunto Federigo degli Alberighi

GIOVANNI BOCCACCIO

FEDERIGO DEGLI ALBERIGHI

dal DECAMERON

RIASSUNTO NOVELLA

Federigo degli Alberighi è la nona novella della quinta giornata del Decameron. La novella viene narrata da Fiammetta, che è anche la regina della giornata. La novella di Federigo degli Alberighi sviluppa il tema della quinta giornata, dedicata agli amori che, dopo alcuni rovesci e difficoltà iniziali, si concludono felicemente.

Riassunto breve

Federigo degli Alberighi, giovane fiorentino dalle grandi virtù cavalleresche, si innamora perdutamente di monna Giovanna. Giovanna è una tra le dame più belle del suo tempo, ma è sposata, e devota al marito. Nel tentativo di impressionare e conquistare Giovanna, Federigo dà fondo al suo intero patrimonio, organizzando feste, tornei, banchetti. Ridottosi sul lastrico, Federigo si ritira in una casa di campagna, a Campi, e qui trascorre le sue giornate cacciando con un magnifico esemplare di falcone: la sua ultima ricchezza. Nel frattempo il marito di Giovanna muore, e la donna resta vedova e con un figlio ancora fanciullo. Durante un soggiorno estivo presso Campi, il figlio di Giovanna vede il falcone di Federigo e se ne invaghisce. Dopo poco, il fanciullo si ammala e, dal letto di malattia, confida alla propria madre quanto desidererebbe che il falcone di Federigo diventasse suo. Giovanna resta a lungo combattuta, ma alla fine, per amore del figlio, si risolve a recarsi a casa di Federigo con l’intenzione di chiedergli il suo falcone. Durante la visita, prima che Giovanna possa avanzare la sua richiesta, Federigo, che non ha cos’altro offrire per pranzo alla sua ospite, dà ordine che il falcone venga ucciso e cucinato. Così, quando Giovanna avanza la sua richiesta, Federigo non è più in grado di accontentarla e per questo si dispera. Di lì a poco il figlio di Giovanna muore, e la donna, rimasta completamente sola, decide di sposare Federigo.

Torna su

Pubblicità

Riassunto dettagliato

Federigo degli Alberighi è un giovane nobile fiorentino, fornito delle più alte virtù cavalleresche.

Innamoratosi di monna Giovanna, donna tra le più belle del suo tempo, Federigo spende ogni suo avere nel tentativo di conquistarla. Giovanna, che è sposata ad un altro uomo, ed è onesta non meno di quanto sia bella, resta fedele a suo marito e non ricambia l’amore di Federigo.

Dopo essersi ridotto sul lastrico, Federigo si ritira in una piccola tenuta di campagna, a Campi, con la sua ultima ricchezza: un bellissimo esemplare di falcone con il quale caccia ogni giorno.

Passati alcuni anni, Giovanna perde suo marito, restando vedova, con un figlio ancora fanciullo.

Durante un soggiorno estivo in campagna, il figlio di Giovanna vede il falcone di Federigo, e se ne invaghisce perdutamente. Poco dopo, il giovane si ammala gravemente, e, durante la malattia, confida alla propria madre che per lui sarebbe un grande conforto poter avere il falcone di Federigo degli Alberighi.

Giovanna, che ama il proprio figlio più di qualunque cosa al mondo, pur sentendosi fortemente a disagio nel dover chiedere l’ultimo suo bene a Federigo, che per lungo tempo l’ha amata senza ricevere in cambio neppure uno sguardo, alla fine  si reca, accompagnata da un’altra donna, a casa di lui, con l’intenzione di domandargli in dono il prezioso falcone.

Durante l’incontro, prima che Giovanna possa avanzare la sua richiesta, accade però un fatto inatteso: Federigo, che ancora non conosce la ragione della visita, trovandosi sprovvisto di pietanze degne delle sue ospiti, dà ordine di cucinare il suo bellissimo falcone.

Così, quando Giovanna avanza la sua richiesta, il povero Federigo cade in disperazione per il fatto di non poter più accontentare l’amata.

Di lì a poco, il figlio di Giovanna muore consumato dalla malattia; Giovanna, rimasta del tutto sola, memore della grande cortesia che Federigo le ha dimostrato in ogni circostanza, decide di sposarsi con lui.

Torna su

Pubblicità

Riassunto in 20 righe

Federigo degli Alberighi, nel vano tentativo di conquistare l’amore di Monna Giovanna, gentildonna sposata e devota al marito, si riduce sul lastrico; quindi si ritira in campagna, dove trascorre le sue giornate cacciando con un magnifico esemplare di falcone, sua ultima ricchezza. Giovanna resta vedova, e presto anche suo figlio si ammala gravemente. Dal letto di malattia, il figlio di Giovanna esprime il desiderio di poter avere in dono il falcone di Federigo, che ha visto durante un soggiorno in campagna. Giovanna si reca da Federigo per chiedergli il falcone, ma prima che possa avanzare la sua richiesta, Federigo, come estremo gesto di cortesia, fa cucinare l’uccello per servirglielo per pranzo. Il figlio di Giovanna muore, e la donna, insistentemente sollecitata dai fratelli a risposarsi, esprime la volontà di sposare Federigo, per le sue qualità di uomo nobile e generoso. Dunque Federigo sposa Giovanna e, tornato in possesso di una certa ricchezza, si fa un amministratore più misurato dei suoi averi.

Torna su

Pubblicità

Schema della trama

La novella Federigo degli Alberighi presenta una trama molto semplice, data dalla successione di quattro blocchi narrativi:

Antefatto → Federigo dissipa il suo patrimonio
Federigo degli Alberighi, nel vano tentativo di conquistare l’amore di Monna Giovanna, gentildonna sposata, sperpera il suo intero patrimonio in dimostrazioni di cortesia e liberalità; quindi, ridottosi in povertà, si ritira in campagna, dove trascorre le sue giornate cacciando con un magnifico esemplare di falcone: la sua ultima ricchezza.
Sviluppo → Il figlio di Giovanna vede il falcone di Federigo
Il marito di Giovanna muore, e la gentildonna e il suo figlioletto restano eredi di un enorme patrimonio; durante un soggiorno in campagna, il figlio di Giovanna vede il falcone di Federigo e se ne innamora.
Snodo centrale → Federigo uccide il suo falcone
Ammalatosi, il figlio di Giovanna esprime il desiderio di possedere il falcone di Federigo; la madre, nella speranza di far guarire il fanciullo, si reca da Federigo per chiedergli in dono l’uccello. Durante la visita di Giovanna, prima che la donna possa avanzare la sua richiesta, Federigo, non avendo altro da offrirle come pranzo, fa cucinare il proprio falcone; così, quando Giovanna spiega il motivo della sua visita, egli si dispera, e tra le lacrime le spiega di non poterla più accontentare.
Scioglimento → Federigo sposa Giovanna e diventa “miglior massaio”
Il figlio di Giovanna muore, e la donna viene insistentemente sollecitata dai propri fratelli a risposarsi; così Giovanna dichiara di voler sposare Federigo, per le sue qualità di uomo nobile e generoso. Dunque Federigo sposa Giovanna, tornando in possesso di una certa ricchezza, e memore della propria vicenda, inizia ad adoperarsi per essere un amministratore più assennato dei propri averi.