Archivio testo: Falananna

Riassunto Novella di Falananna

ANTON FRANCESCO GRAZZINI detto il LASCA

FALANANNA

da LE CENE

RIASSUNTO NOVELLA
ANTEFATTO

Mariotto Falananna è un uomo sciocco, di professione tessitore. In un giorno di quaresima, mentre è in chiesa, egli sente dire da un frate predicatore che la morte libera l’uomo dalle sofferenze della vita e gli dischiude un mondo di felicità. A seguito di quest’episodio, Falananna si mette in testa di voler morire a tutti i costi.

La moglie Mante, l’amante di lei  “Berna” e la suocera, monna Antonia, che da tempo vorrebbero liberarsi di Falananna, decidono di sfruttare il suo desiderio di morte per disfarsi di lui per sempre. Così, fanno in modo che Falananna creda di essere deceduto, e dopo averlo istruito su come comportarsi da defunto, organizzano il suo funerale in modo che venga portato alla tomba.

Accomodato su un catafalco, persuaso di essere morto, e fermo immobile come gli è stato raccomandato, Falananna si avvia ad essere sepolto.

Da questo momento in poi il racconto procede nella forma di una “commedia di imprevisti”, attraverso una successione di colpi di scena che ribaltano in continuazione la situazione precedente, determinando gli avvenimenti successivi.

Pubblicità

RIASSUNTO

180 parole: 20 righe da 9 parole per rigo

Nella prima sequenza narrativa, Falananna, costretto a stare immobile sul catafalco e impossibilitato a raggiungere un bagno, si imbratta con i suoi stessi escrementi, provocando un odore nauseante che disgusta i presenti; terminata questa sequenza, comincia il resoconto della processione funebre.

Il falso defunto, steso nella cassa, viene condotto alla sepoltura. Ma lungo il tragitto, un creditore di Falananna vede il feretro, e reclama con parole aspre il proprio denaro. Alle parole del creditore, Falananna cessa di fingere di esser morto, si leva a sedere, e risponde.

Il risveglio del defunto provoca grande scompiglio: molti fuggono spaventati, Falananna cade a terra continuando ad inveire; alcuni dei presenti, vedendolo vivo, cominciano a malmenarlo.

Falananna tenta la fuga, ma la folla lo insegue, lo insulta e gli lancia pietre. Giunto su un ponte, Falananna trova il passaggio bloccato, così si arrampica sul parapetto; ma cade nell’Arno, e qui muore davvero, arso da uno speciale fuoco d’artificio, infiammabile in acqua, di cui un artificiere fiammingo sta dimostrando l’utilizzo.

Mante sposa Berna, mentre il caso di Falananna, morto bruciato cadendo in Arno, diventa proverbiale.

  • Articoli Correlati per Tag :