Archivio testo: It was a very dark evening ...

Traduzione It was a very dark evening …

EMILY BRONTE

IT WAS A VERY DARK EVENING …

– da WUTHERING HEIGHTS – CHAPTER 9 –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

IL TESTO

Nel brano, tratto dal Capitolo 9 del romanzo Wuthering heights, viene descritto uno dei momenti del crollo emotivo a cui Catherine Earnshaw va incontro dopo la partenza di Heathcliff da Whutering Heights.

Il brano si colloca nella prima parte del romanzo, e rientra all’interno di un racconto sulla storia della famiglia Earnshaw, che Lockwood, la voce narrante del romanzo, ascolta dalla bocca di Nelly Dean, la governante della famiglia, alla quale il gentiluomo ha chiesto informazioni sulle vicende pregresse dei padroni di casa.

Ripercorrendo la storia degli Earnshaw dal momento dell’adozione di Heathcliff nella loro casa, Nelly è arrivata a narrare di una sera in cui Catherine le confessa quanto superficiale sia in realtà il suo amore per Edgar Linton, il suo promesso sposo, e quanto profondamente, invece, ella si senta innamorata di Heathcliff. Tuttavia, mentre parla, Catherine dichiara anche che non potrà mai sposare Heathcliff a causa della sua bassa estrazione sociale e la completa mancanza d’istruzione. Heathcliff, accidentalmente, sente solo questa parte della confessione, nella quale Catherine pare disprezzarlo. Perciò Heathcliff abbandona Wuthering Heights senza dire nulla a nessuno e senza dare spiegazioni.

Catherine, abbandonata dall’uomo che in realtà ama, crolla emotivamente e passa interminabili ore ad attendere il ritorno di lui, come nel frangente narrato nel brano, nel quale, incurante di un temporale, attende Heathcliff all’esterno dell’abitazione.

TRADUZIONE IN ITALIANO

It was a very dark evening for summer. The clouds appeared inclined to thunder, and I said we had better all sit down; the approaching rain would be certain to bring him home without further trouble. However, Catherine would not be persuaded into tranquillity.

Era una notte molto buia per essere d’estate. Le nuvole sembravano propense a tuonare (ossia: “pronte per il temporale”), e io dissi che avremmo fatto meglio a stare tutti seduti (ossia: “avremmo fatto bene a restare tutti a casa”); la pioggia imminente (lett.: “in avvicinamento”), lo avrebbe certo ricondotto (to bring: “portare, riportare”) a casa, senza ulteriori problemi (dicendo “lo avrebbe ricondotto” la narratrice, Nelly Dean, si sta riferendo a Heathcliff, che d’un tratto ha lasciato Wuthering Heights senza dare spiegazioni). Tuttavia, Catherine non si convinse a restare tranquilla.

She kept wandering to and fro, from the gate to the door, in a state of agitation which permitted no repose; and at length took up a permanent situation on one side of the wall, near the road,

Ella (Catherine) continuava ad andare avanti e indietro (to and fro), dal cancello alla porta, in uno stato di agitazione che non concedeva risposo; e alla fine si posizionò (lett. “si stabilì, rimase immobile”) su un lato del muro, vicino alla strada,

Pubblicità

where, heedless of my expostulations and the growling thunder, and the great drops that began to plash around her, she remained, calling at intervals, and then listening, and then crying outright. She beat Hareton, or any child, at a good passionate fit of crying.

dove, incurante delle mie rimostranze, del tuono che mugghiava, e delle grandi gocce che iniziavano a schizzare (to plash) intorno a lei, restò immobile, chiamando a intervalli (ossia: “urlando di tanto in tanto il nome di Heathcliff”), poi ascoltando, e poi piangendo forte. Batteva (ossia: “superava”) Hareton, o qualsiasi bambino, quanto a crisi (fit) di pianto appassionate.

About midnight, while we still sat up, the storm came rattling over the Heights in full fury. There was a violent wind, as well as thunder, and either one or the other split a tree off at the corner of the building; a huge bough fell across the roof, and knocked down a portion of the east chimney-stack, sending a clatter of stones and soot into the kitchen-fire.

A mezzanotte circa, mentre eravamo ancora in piedi, la tempesta si abbatté (to come, lett.: “arrivare”) impetuosa su Wuthering Heights, con tutta la sua furia (lett.: “in piena furia”). C’era un vento violento, e tuoni, e l’uno o gli altri spaccarono in due un albero all’angolo della casa (building: “edificio”); un ramo enorme cadde di traverso sul tetto e fece crollare (lett. “buttò giù, abbatté”) una parte del comignolo a est, provocando, all’interno del camino della cucina, un rumore di pietre e fuliggine.

Pubblicità

We thought a bolt had fallen in the middle of us; […] But the uproar passed away in twenty minutes, leaving us all unharmed; excepting Cathy, who got thoroughly drenched for her obstinacy in refusing to take shelter, and standing bonnetless and shawl-less to catch as much water as she could with her hair and clothes.

Pensammo che un fulmine fosse caduto in mezzo a noi […] Ma il putiferio (ossia: “il frastuono, la tempesta”) passò in venti minuti, lasciandoci tutti illesi (unharmed); fatta eccezione per (excepting) Cathy (Catherine), che restò completamente fradicia per la sua ostinazione a rifiutare di mettersi al riparo, e a starsene senza cappello e (senza) mantello, a prendere sui capelli e sui vestiti più acqua di quella che avrebbe dovuto.

She came in and lay down on the settle, all soaked as she was, turning her face to the back, and putting her hands before it.

Entrò e si stese sulla panca (settle), tutta inzuppata com’era, volgendo il viso alla spalliera e coprendolo con le mani.