Archivio testo: Lanquan li jorn son lonc en mai

Traduzione Lanquan li jorn son lonc en mai

JAUFRE RUDEL

LANQUAN LI JORN SON LONC EN MAI

– TRADUZIONE –


Lanquan li jorn son lonc en mai

m’es belhs dous chans d’auzelhs de lonh,

e quan me sui partitz de lai

remembra·m d’un’amor de lonh:

vau de talan embroncx e clis,

si que chans ni flors d’albespis

no·m platz plus que l’iverns gelatz.

[vv. 1 – 7] Allorquando i giorni sono lunghi in maggio, | mi piace il dolce canto degli uccelli di lontano, | e quando mi sono allontanato da lì, | mi ricordo di un amore lontano: | per il desiderio cammino imbronciato e a capo chino, | così che né canto, né fiore di biancospino | mi piacciono più dell’inverno gelato.


Ja mais d’amor no·m jauzirai

si no·m jau d’est’amor de lonh:

que gensor ni melhor non sai

ves nulha part, ni pres ni lonh.

Tant es sos pretz verais e fis

que lai el reng dels sarrazis

fos ieu per lieis chaitius clamatz!

[vv. 8 – 14] Non godrò mai dell’amore, | se non godo di questo amore lontano, | perché non conosco (donna) più nobile e migliore | in nessun luogo, né vicino, né lontano. | Il suo pregio è a tal punto verace e fino | che là, nel regno dei Saraceni, | fossi io per lei tenuto prigioniero!

Pubblicità

Iratz e jauzens m’en partrai,

s’ieu ja la vei l’amor de lonh;

mas no sai quoras la veirai,

car trop son nostras terras lonh:

assatz i a pas e camis,

e per aisso no·n sui devis.

Mas tot sia cum a Dieu platz!

[vv. 15 – 21] Me ne andrò crucciato e gioioso, | se mai la vedrò, l’amore lontano: | ma non so quando la vedrò, | perché le nostre terre sono troppo distanti: | vi sono molteplici valichi e sentieri (tra il poeta e l’amata), | e per questo non posso prevedere (quando la vedrò). | Ma sia tutto come piace a Dio!


Be·m parra jois quan li querrai,

per amor Dieu, l’alberc de lonh:

e, s’a lieis platz, alberguarai

pres de lieis, si be·m sui de lonh.

Adoncs parra·l parlamens fis

quan drutz lonhdas er tan vezis

qu’ab cortes ginh jauzis solatz.

[vv. 22 – 28] Mi sembrerà certo una gioia quando io le chiederò, | per amore di Dio, l’ospitalità lontano: | e, se a lei piace, albergherò | presso di lei, sebbene io sia di lontano. | Allora sarà dolce il conversare, | quando l’amante lontano sarà tanto vicino, | da godere il conforto di parole cortesi.


Ben tenc lo Senhor per verai

per qu’ieu veirai l’amor de lonh;

mas per un ben que m’en eschai

n’ai dos mals, quar tan m’es de lonh.

Ai! car me fos lai pelegris,

si que mos fustz e mos tapis

fos pels sieus belhs huelhs remiratz!

[vv. 29 – 35] Considero senz’altro vero il Signore | grazie al quale io vedrò l’amore lontano; | ma per un bene che mi tocca in sorte | ne ho due mali, perché (ella) si trova così lontano da me. | Ahimè! Potessi io essere là pellegrino, | così che il mio bastone e la mia schiavina | fossero rimirati dai suoi begli occhi!


Dieus, que fetz tot quant ve ni vai

e formet sest’amor de lonh,

mi don poder, que cor ieu n’ai,

qu’ieu veia sest’amor de lonh,

veraiamen, en tals aizis,

si que la cambra e·l jardis

mi resembles totz temps palatz!

[vv. 36 – 42] Dio, che creò tutto ciò che viene e che va, | e plasmò questo amore lontano, | mi dia la possibilità, perché io ne ho la volontà, | di vedere questo amore lontano; | per davvero, e con tale intimità, | che la camera e il giardino | mi sembrino sempre dei palazzi!

Pubblicità

Ver ditz qui m’apella lechai

ni deziron d’amor de lonh,

car nulhs autres jois tan no·m plai

cum jauzimens d’amor de lonh.

Mas so qu’ieu vuelh m’es atahis,

qu’enaissi·m fadet mos pairis

qu’ieu ames e non fos amatz.

[vv. 43 – 49] Dice il vero chi mi chiama ghiotto, | o desideroso dell’amore lontano, | perché nessuna altra gioia mi piace tanto | quanto il godimento dell’amore lontano. | Ma ciò che io voglio mi è negato, | perché simile sorte mise su di me il mio padrino, | che io amassi e non fossi amato.


Mas so qu’ieu vuelh m’es atahis.

Totz sia mauditz lo pairis

que·m fadet qu’ieu non fos amatz!

[vv. 50 – 52] Ma ciò che io voglio mi è negato, | sia del tutto maledetto il padrino | che mise su di me la sorte che io amassi e non fossi amato.