Archivio testo: No man is an island

Traduzione No man is an island

JOHN DONNE

NO MAN IS AN ISLAND

– da DEVOTIONS UPON EMERGENT OCCASIONS – MEDITATION XVII –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

Nunc Lento Sonitu Dicunt, Morieris

Ora, con un suono lento, (esse) dicono: Morirai.

Now, this bell tolling softly for another, says to me: Thou must die.

Ora, questa campana che suona pacatamente per un altro (uomo), a me dice: “Tu sei destinato a morire”.

Perchance he for whom this bell tolls may be so ill, as that he knows not it tolls for him; and perchance I may think myself so much better than I am, as that they who are about me, and see my state, may have caused it to toll for me, and I know not that.

Forse, colui per il quale suona questa campana potrebbe essere così malato da non sapere che essa (ossia: “che questa campana”) sta suonando per lui; e forse io stesso potrei credere me stesso in condizioni migliori di quelle effettive (lett.: “e forse io potrei credermi molto più in salute di quanto non sia”), al punto che quelli che mi stanno intorno, e che constatano le mie condizioni, potrebbero aver fatto in modo che essa (“la campana”) stia suonando per me, senza che io lo sappia.

The church is Catholic, universal, so are all her actions; all that she does belongs to all. When she baptizes a child, that action concerns me; for that child is thereby connected to that body which is my head too, and ingrafted into that body whereof I am a member.

La Chiesa è Cattolica, universale, e così lo sono tutte le sue azioni; tutto quello che essa fa riguarda tutti. Quando (“la Chiesa”, soggetto sottinteso) battezza un bambino, quell’azione mi riguarda; poiché, in tal modo, quel bambino viene collegato a quel corpo al quale è collegata anche la mia testa, e viene innestato su questo corpo del quale io sono un arto.

And when she buries a man, that action concerns me: all mankind is of one author, and is one volume; when one man dies, one chapter is not torn out of the book, but translated into a better language; and every chapter must be so translated;

E quando (“la Chiesa”, soggetto sottinteso) seppellisce un uomo, quell’azione mi riguarda: l’umanità intera è (opera) di un unico autore, ed è un unico “volume” (ossia: “è come un unico tomo”, “è come un libro unico”); quando muore un uomo, non viene strappato un capitolo dal libro, bensì esso viene tradotto in una lingua migliore; ed ogni capitolo deve essere tradotto in quella maniera (ossia: “ed ogni capitolo dovrà, prima o poi, essere tradotto”, cioè: “ogni uomo dovrà, prima o poi, andare incontro alla morte”);

Pubblicità

God employs several translators; some pieces are translated by age, some by sickness, some by war, some by justice; but God’s hand is in every translation, and his hand shall bind up all our scattered leaves again for that library where every book shall lie open to one another.

Dio si avvale di diversi traduttori (ossia, fuor di metafora: “Dio fa morire gli uomini operando con diversi strumenti”): certi brani sono tradotti dall’età, altri dalla malattia, altri dalla guerra, altri dalla giustizia; ma in tutte le traduzioni c’è la mano di Dio, e la sua mano (alla fine) ricomporrà di nuovo insieme tutte le nostre pagine sparse ai fini di quella biblioteca dove ogni libro dovrà stare aperto, ciascuno per l’altro.

As therefore the bell that rings to a sermon calls not upon the preacher only, but upon the congregation to come: so this bell calls us all; but how much more me, who am brought so near the door by this sickness. […]

Di conseguenza, la campana che suona per una predica non chiama soltanto il predicatore, ma anche tutta la congregazione, affinché essa accorra: è così che questa campana ci chiama tutti; ma soprattutto (la campana chiama) me, che sono portato così vicino alla porta da questa malattia. […]

If we understand aright the dignity of this bell that tolls for our evening prayer, we would be glad to make it ours by rising early, in that application, that it might be ours as well as his, whose indeed it is.

Se comprendessimo correttamente l’importanza di questa campana che suona per la nostra preghiera serale, saremmo felici di renderla nostra alzandoci presto, in maniera tale che essa possa essere nostra tanto quanto (ossia: “nella stessa misura in cui essa è”) di colui al quale essa appartiene di fatto.

Pubblicità

The bell doth toll for him that thinks it doth; and though it intermit again, yet from that minute that this occasion wrought upon him, he is united to God.

La campana suona per chi crede che essa suoni per lui; e sebbene essa poi si interrompa, egli (ossia: “chi lo comprende”) si ritrova unito a Dio già da quell’istante (lett.: “da quel minuto”) che ha creato per lui quest’occasione.

Who casts not up his eye to the sun when it rises? But who takes off his eye from a comet when that breaks out? Who bends not his ear to any bell which upon any occasion rings? But who can remove it from that bell which is passing a piece of himself out of this world?

Chi è che non solleva i propri occhi verso il sole quando il sole sorge? Viceversa chi è che distoglie lo sguardo da una cometa quando essa compare? Chi è che non tende l’orecchio a qualsiasi campana che suona per una qualsiasi occasione? Ma chi è che lo può distogliere (ossia: “Ma chi può distogliere il proprio orecchio”) da quella campana che sta accompagnando fuori da questo mondo proprio una parte di lui? (lett.: “che sta facendo passare una parte di lui stesso fuori di questo mondo?”).

No man is an island, entire of itself; every man is a piece of the continent, a part of the main.

Nessun uomo è un’isola, completa in sé stessa; ogni uomo è la parte di un continente, una componente di un “tutto”;

If a clod be washed away by the sea, Europe is the less, as well as if a promontory were, as well as if a manor of thy friend’s or of thine own were: any man’s death diminishes me, because I am involved in mankind, and therefore never send to know for whom the bell tolls: it tolls for thee.

Se una sola zolla venisse trascinata via dal mare, l’Europa ne sarebbe più povera, così come (lo sarebbe) se fosse portato via un promontorio, oppure un edificio di un tuo amico, oppure il tuo stesso edificio: la morte di qualsiasi uomo mi impoverisce, perché io sono partecipe del genere umano, e perciò non mandare mai a chiedere per chi suona la campana: essa suona per te.