Archivio testo: Public shame

Traduzione Public shame

NATHANIEL HAWTHORNE

PUBLIC SHAME

– da THE SCARLET LETTER – THE MARKET PLACE –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

The door of the jail being flung open from within there appeared, in the first place, like a black shadow emerging into sunshine, the grim and gristly presence of the town-beadle, with a sword by his side, and his staff of office in his hand.

Mentre la porta della prigione veniva spalancata dall’interno, là (ossia: “sulla soglia”) apparve, davanti a tutti, come un’ombra nera che emergeva nella luce del sole, la feroce e macabra (grisly) presenza dell’ufficiale di giustizia cittadino, con una spada al fianco e il bastone del comando nella propria mano.

This personage prefigured and represented in his aspect the whole dismal severity of the Puritanic code of law, which it was his business to administer in its final and closest application to the offender.

Questo personaggio simboleggiava e rappresentava nell’aspetto tutta la lugubre (dismal) severità del codice di legge Puritano, che era suo compito applicare, nella sua attuazione inappellabile e più rigorosa, al colpevole.

Stretching forth the official staff in his left hand, he laid his right upon the shoulder of a young woman, whom he thus drew forward, until, on the threshold of the prison-door, she repelled him, by an action marked with natural dignity and force of character, and stepped into the open air as if by her own free will.

Stringendo il bastone del comando nella sua mano sinistra, egli poggiò la destra sulla spalla di una giovane donna, che così trasse avanti, finché, sulla soglia (threshold) della porta della prigione, ella lo respinse con un gesto caratterizzato da naturale dignità e forza di carattere, e uscì all’aria aperta come di sua (spontanea) volontà.

She bore in her arms a child, a baby of some three months old, who winked and turned aside its little face from the too vivid light of day; because its existence, heretofore, had brought it acquaintance only with the grey twilight of a dungeon, or other darksome apartment of the prison.

Ella portava (to bear: “sostenere, sorreggere”) tra le braccia una neonata, una bimba di tre mesi circa, che sbatté le palpebre e girò il suo visetto altrove dalla troppo vivida luce del giorno; perché la sua esistenza, fino ad allora (heretofore), le aveva fatto conoscere solo la penombra di una segreta, o un altro oscuro locale della prigione.

Pubblicità

When the young woman, the mother of this child, stood fully revealed before the crowd, it seemed to be her first impulse to clasp the infant closely to her bosom; not so much by an impulse of motherly affection, as that she might thereby conceal a certain token, which was wrought or fastened into her dress.

Quando la giovane donna, la madre di questa neonata, si mostrò completamente al cospetto (before: “davanti a”) della folla, il suo primo impulso sembrò essere quello di stringere al petto la bambina; non tanto per un impulso di amore materno, quanto per poter, in tal modo (thereby: “con ciò”), nascondere un certo segno che era ricamato o attaccato al suo vestito.

In a moment, however, wisely judging that one token of her shame would but poorly serve to hide another, she took the baby on her arm, and with a burning blush, and yet a haughty smile, and a glance that would not be abashed, looked around at her townspeople and neighbours.

In un momento, comunque, giudicando saggiamente che un segno della sua vergogna mal sarebbe servito a nasconderne un altro, appoggiò la bambina su un braccio, e con bruciante rossore (sul viso), e tuttavia con un altezzoso (haughty) sorriso e uno sguardo che non si sarebbe lasciato intimidire (to abash: “turbare, imbarazzare”), guardò intorno a sé i concittadini e i vicini (di casa).

On the breast of her gown, in fine red cloth, surrounded with an elaborate embroidery and fantastic flourishes of gold thread, appeared the letter A.

Sul petto del suo abito, in un bel tessuto (cloth) scarlatto, bordato con un elaborato ricamo (embroidery) e fantastici arabeschi di filo (thread) dorato, apparve la lettera “A”.

It was so artistically done, and with so much fertility and gorgeous luxuriance of fancy, that it had all the effect of a last and fitting decoration to the apparel which she wore, and which was of a splendour in accordance with the taste of the age, but greatly beyond what was allowed by the sumptuary regulations of the colony.

Era eseguita così artisticamente, e con tanta fertilità e sgargiante esuberanza di fantasia, che aveva tutta l’aria di un’ultima e riuscita decorazione del vestito (apparel) che lei indossava, il quale era di uno splendore in accordo con il gusto dell’epoca, ma ben superiore a quanto era permesso dai regolamenti suntuari della colonia (“suntuarie” erano le leggi aventi lo scopo di reprimere il lusso smodato).

Pubblicità

The young woman was tall, with a figure of perfect elegance on a large scale. She had dark and abundant hair, so glossy that it threw off the sunshine with a gleam; and a face which, besides being beautiful from regularity of feature and richness of complexion, had the impressiveness belonging to a marked brow and deep black eyes.

La giovane donna era alta, con una figura di perfetta eleganza su larga scala. Aveva capelli neri e copiosi, così lucenti che riflettevano la luce del sole con un bagliore; e un viso che, oltre ad essere bello per la regolarità dei lineamenti e la ricchezza del colorito, possedeva l’intensità che deriva da una fronte marcata e da profondi occhi neri.

She was ladylike, too, after the manner of the feminine gentility of those days; characterised by a certain state and dignity, rather than by the delicate, evanescent, and indescribable grace which is now recognised as its indication.

Lei era raffinata, anche, secondo i canoni della raffinatezza femminile di quei tempi, caratterizzata da un certo contegno e dignità, più che dalla grazia delicata, evanescente e indescrivibile che oggi viene riconosciuta come suo indizio (ossia: “riconosciuta oggi come indice della raffinatezza femminile”).

And never had Hester Prynne appeared more ladylike, in the antique interpretation of the term, than as she issued from the prison. Those who had before known her, and had expected to behold her dimmed and obscured by a disastrous cloud, were astonished, and even startled, to perceive how her beauty shone out, and made a halo of the misfortune and ignominy in which she was enveloped.

Ed Hester Prynne non era mai apparsa più raffinata, nel senso antico del termine, di quando uscì dalla prigione. Quelli che l’avevano conosciuta prima, e si aspettavano di vederla offuscata e oscurata da una nube funesta, rimasero stupiti e anche sbigottiti nell’osservare (to perceive: “accorgersi, rendersi conto, percepire”) come la sua bellezza brillava e creava un alone intorno alla disgrazia e all’ignominia nella quale era avvolta (enveloped).

It may be true that, to a sensitive observer, there was something exquisitely painful in it. Her attire, which indeed, she had wrought for the occasion in prison, and had modelled much after her own fancy, seemed to express the attitude of her spirit, the desperate recklessness of her mood, by its wild and picturesque peculiarity.

Ma forse (lett.: “Può essere vero che”), per un osservatore perspicace, c’era in ciò (ossia: “c’era, nella fierezza della giovane donna”) qualcosa di squisitamente doloroso. Il suo abbigliamento (attire), che infatti ella aveva confezionato in prigione per l’occasione, e aveva modellato molto di sua fantasia, sembrava esprimere l’atteggiamento del suo spirito, la disperata sconsideratezza (recklessness) del suo animo, con la sua selvaggia e pittoresca peculiarità.

Pubblicità

But the point which drew all eyes, and, as it were, transfigured the wearer, so that both men and women who had been familiarly acquainted with Hester Prynne were now impressed as if they beheld her for the first time, was that SCARLET LETTER, so fantastically embroidered and illuminated upon her bosom.

Ma il dettaglio che attirò tutti gli sguardi e, per così dire, trasfigurò chi l’aveva addosso (the wearer), tanto che sia gli uomini, sia le donne che conoscevano bene Hester Prynne ne rimasero ora impressionati, come se la vedessero per la prima volta, fu la LETTERA SCARLATTA, così incredibilmente ricamata e luminosa sul suo petto.

It had the effect of a spell, taking her out of the ordinary relations with humanity, and enclosing her in a sphere by herself.

Essa (la lettera) aveva l’effetto di un incantesimo (spell) che sottraeva Hester Prynne dai rapporti ordinari col prossimo (lett.: “con l’umanità”) e che la racchiudeva in una dimensione tutta sua. […]

Accordingly, the crowd was sombre and grave. The unhappy culprit sustained herself as best a woman might, under the heavy weight of a thousand unrelenting eyes, all fastened upon her, and concentrated at her bosom. It was almost intolerable to be borne.

Infatti, la folla era cupa e severa. L’infelice colpevole (culprit) si sostenne come meglio una donna avrebbe potuto, sotto il gravoso peso di un migliaio di occhi spietati, tutti fissi su di lei e concentrati sul suo petto. Era quasi intollerabile da sopportarsi.

Of an impulsive and passionate nature, she had fortified herself to encounter the stings and venomous stabs of public contumely, wreaking itself in every variety of insult; but there was a quality so much more terrible in the solemn mood of the popular mind, that she longed rather to behold all those rigid countenances contorted with scornful merriment, and herself the object.

Di natura impulsiva e appassionata, Hester Prynne aveva fortificato se stessa per affrontare l’acredine e le maligne pugnalate della contumelia pubblica (ossia: “dell’ingiuria collettiva, del pettegolezzo ingiurioso e del giudizio”), che dava libero sfogo a ogni specie d’insulto; ma c’era una qualità (ossia: “un qualcosa”) ancor più spregevole nell’atteggiamento solenne del popolo (lett.: “della mente popolare”) tanto che ella “desiderava” osservare tutte quelle rigide espressioni contorte con un ghigno di scherno ed esserne l’oggetto.

Pubblicità

Had a roar of laughter burst from the multitude – each man, each woman, each little shrill-voiced child, contributing their individual parts – Hester Prynne might have repaid them all with a bitter and disdainful smile. But, under the leaden infliction which it was her doom to endure, she felt, at moments, as if she must needs shriek out with the full power of her lungs, and cast herself from the scaffold down upon the ground, or else go mad at once.

Se un fragore di risate fosse scoppiato dalla moltitudine – ogni uomo, ogni donna, ogni piccola stridula voce di bambino, contribuendo individualmente (lett.: “con le loro singole parti”) – Hester Prynne avrebbe potuto ripagarli tutti con un amaro sorriso di sdegno (disdainful). Ma, sotto la pesante pena che era suo destino sopportare, ella sentiva, in alcuni momenti, come se avesse bisogno di urlare con quanto fiato aveva in gola (lett.: “con la piena potenza dei suoi polmoni”) e di gettarsi (cast herself) giù da quel patibolo per evitare, altrimenti, di impazzire immediatamente.

Yet there were intervals when the whole scene, in which she was the most conspicuous object, seemed to vanish from her eyes, or, at least, glimmered indistinctly before them, like a mass of imperfectly shaped and spectral images.

Eppure c’erano frangenti in cui (lett.: “quando”) l’intera scena, di cui ella era l’oggetto più evidente, sembrava svanire dai suoi occhi, o quantomeno brillava indistintamente davanti ad essi, come una massa d’immagini spettrali dalla forma incerta (lett.: “immagini imperfettamente formate e spettrali”).

Her mind, and especially her memory, was preternaturally active, and kept bringing up other scenes than this roughly hewn street of a little town, on the edge of the western wilderness: other faces than were lowering upon her from beneath the brims of those steeple-crowned hats.

La sua mente e soprattutto la sua memoria, erano incredibilmente (preternaturally) attive e continuavano a evocare scene diverse da quella strada rozzamente lastricata (roughly hewn) di una piccola città al margine del deserto occidentale: facce diverse da quelle che la guardavano torve sotto le tese di quegli alti cappelli a cono.

Reminiscences, the most trifling and immaterial, passages of infancy and school-days, sports, childish quarrels, and the little domestic traits of her maiden years, came swarming back upon her, intermingled with recollections of whatever was gravest in her subsequent life; one picture precisely as vivid as another; as if all were of similar importance, or all alike a play.

Reminiscenze, le più insignificanti e irrilevanti, scene (lett.: “passaggi”) d’infanzia e giorni di scuola, giochi, bisticci infantili e le piccole realtà (traits: “tratti”) domestiche dei suoi anni di ragazza (maiden: “nubile”), si affollavano alla sua memoria (lett.: “tornavano su di lei”), mescolate a ricordi di tutto ciò che di più grave c’era stato nella sua vita successiva; un’immagine esattamente tanto vivida quanto l’altra (ossia: “tutte immagini parimenti vivide”); come se fossero tutte di pari importanza o fossero tutte ugualmente un gioco.

Pubblicità

Possibly, it was an instinctive device of her spirit to relieve itself by the exhibition of these phantasmagoric forms, from the cruel weight and hardness of the reality.

Forse, era un espediente istintivo del suo spirito difendersi, con la rassegna di queste forme fantasmagoriche, dal peso crudele e dalla durezza della realtà.

Be that as it might, the scaffold of the pillory was a point of view that revealed to Hester Prynne the entire track along which she had been treading, since her happy infancy. Standing on that miserable eminence, she saw again her native village, in Old England, and her paternal home: a decayed house of grey stone, with a poverty-stricken aspect, but retaining a half obliterated shield of arms over the portal, in token of antique gentility.

Come che fosse, il palco della gogna era un punto di vista (ossia: “un punto di osservazione”) che rivelava a Hester Prynne l’intero percorso lungo il quale aveva camminato, fin dalla sua infanzia felice. Stando in piedi su quella triste prominenza (ossia: “Su quel miserabile rialzo”), ella rivedeva il proprio villaggio nativo, nella vecchia Inghilterra, e la casa paterna: una casa fatiscente di pietra grigia, dall’aspetto povero, ma che conservava un logoro (half obliterated: “mezzo distrutto, cancellato”) stemma sul portale, simbolo di antica nobiltà.

She saw her father’s face, with its bold brow, and reverend white beard that flowed over the old-fashioned Elizabethan ruff; her mother’s, too, with the look of heedful and anxious love which it always wore in her remembrance, and which, even since her death, had so often laid the impediment of a gentle remonstrance in her daughter’s pathway.

Ella vide il volto di suo padre, con la sua fronte fiera e la barba bianca degna di riverenza (reverend) che ricadeva sull’antiquato (ossia: “fuori moda”) collare elisabettiano; (ella rivedeva) sua madre, anche, con lo sguardo amorevole, attento e apprensivo, che sempre recava nei suoi ricordi e che, anche dopo la sua morte, aveva così spesso posto l’ostacolo di una dolce rimostranza nel cammino della figlia.

She saw her own face, glowing with girlish beauty, and illuminating all the interior of the dusky mirror in which she had been wont to gaze at it.

Vide il proprio viso, che splendeva di giovanile bellezza, illuminare tutto l’interno del tetro specchio in cui era solita osservarlo.