Archivio testo: The Chimney Sweeper

Traduzione The Chimney Sweeper

WILLIAM BLAKE

THE CHIMNEY SWEEPER

– da SONGS OF INNOCENCE & EXPERIENCE –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –
Traduzione The Chimney Sweeper da Songs of Innocence

Lines 1 – 4

When my mother died I was very young,
And my father sold me while yet my tongue
Could scarcely cry ‘weep! ‘weep! ‘weep! ‘weep!
So your chimneys I sweep, and in soot I sleep.

Quando mia madre morì, io ero molto piccolo, e mio padre mi vendette quando ancora la mia lingua riusciva a malapena a gridare: “‘Weep! ‘weep! ‘weep! ‘weep!” (l’onomatopea indica i vagiti della prima infanzia, il senso del verso è perciò: “e mio padre mi vendette quando non ero ancora capace di parlare”.). Per cui (adesso) io spazzo i vostri camini e dormo nella fuliggine.

Lines 5 – 8

There’s little Tom Dacre, who cried when his head,
That curled like a lamb’s back, was shaved: so I said,
“Hush, Tom! never mind it, for when your head’s bare,
You know that the soot cannot spoil your white hair.”

C’è il piccolo Tom Dacre, che pianse quando la sua testa, che si arricciava (ossia: “che era riccioluta”) come il dorso di un agnello, venne rasata; così io dissi: “Silenzio, Tom! Non darci peso, perché quando la tua testa è nuda (bare: “nuda, spoglia”), sai per certo che la fuliggine non può rovinare i tuoi capelli chiari”.

Pubblicità

Lines 9 – 12

And so he was quiet; and that very night,
As Tom was a-sleeping, he had such a sight,
That thousands of sweepers, Dick, Joe, Ned, and Jack,
Were all of them locked up in coffins of black.

E così egli se ne stette buono; e quella stessa notte, mentre stava dormendo, Tom ebbe una visione siffatta: (vide) che migliaia di spazzacamini, Dick, Joe, Ned e Jack, erano tutti quanti chiusi a chiave dentro delle bare di colore nero.

Lines 13 – 16

And by came an angel who had a bright key,
And he opened the coffins and set them all free;
Then down a green plain leaping, laughing, they run,
And wash in a river, and shine in the sun.

E nelle vicinanze giunse un angelo che aveva una chiave lucente, ed egli aprì le bare e liberò tutti loro; poi, saltando e ridendo, essi corsero giù per una verde pianura, e si lavarono in un fiume, e luccicarono al sole.

Lines 17 – 20

Then naked and white, all their bags left behind,
They rise upon clouds and sport in the wind;
And the angel told Tom, if he’d be a good boy,
He’d have God for his father, and never want joy.

Poi, nudi e candidi (“e ripuliti”), lasciatisi alle spalle tutte le loro borse, salirono sopra le nuvole, e giocarono nel vento. E l’angelo disse a Tom che se fosse stato un bravo bambino, avrebbe avuto Dio per padre, e mai gli sarebbe mancata gioia.

Pubblicità

Lines 21 – 24

And so Tom awoke; and we rose in the dark,
And got with our bags and our brushes to work.
Though the morning was cold, Tom was happy and warm;
So if all do their duty they need not fear harm.

E così Tom si svegliò; e noi ci alzammo nell’oscurità, e, con le nostre borse e le nostre spazzole, andammo al lavoro. E sebbene la mattina fosse fredda, Tom era felice e (stava) caldo. Per cui, se tutti fanno il proprio dovere, non hanno bisogno di temere alcun male.

Torna su
Traduzione The Chimney Sweeper da Songs of Experience

Lines 1 – 4

A little black thing among the snow,
Crying “‘weep! ‘weep!” in notes of woe!
“Where are thy father and mother? Say!” –
“They are both gone up to the church to pray.

Un esserino nero, in mezzo alla neve, che grida: “weep, weep!” (l’onomatopea indica il pianto di un bambino) con accenti di dolore! “Dove sono tuo padre e tua madre? Dimmi!” – “Sono andati entrambi in chiesa a pregare.

Lines 5 – 8

Because I was happy upon the heath,
And smiled among the winter’s snow,
They clothed me in the clothes of death,
And taught me to sing the notes of woe.

Poiché ero felice sulla brughiera e sorridevo tra la neve dell’inverno, mi hanno vestito coi panni della morte, e mi hanno insegnato a cantare le melodie del dolore.

Pubblicità

Lines 9 – 12

And because I am happy and dance and sing,
They think they have done me no injury,
And are gone to praise God and his priest and king,
Who make up a heaven of our misery.”

E dal momento che sono felice e ballo e canto, essi credono di non avermi fatto del male, e sono andati a glorificare Dio, e il suo prete, e il re, che ricavano un paradiso dalla nostra sofferenza”.