Archivio testo: Briony's crime

Traduzione Briony’s crime

IAN McEWAN

BRIONY’S CRIME

– da ATONEMENT – CHAPTER 13 –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

Entro mezz’ora, Briony avrebbe commesso il suo crimine. Consapevole che stava condividendo lo spazio della notte con un maniaco, lei all’inizio si tenne vicino ai muri bui della casa, e abbassò la testa sotto i davanzali ogni volta che passava davanti a una finestra illuminata.

Lei sapeva che lui si sarebbe diretto giù per il viale principale perché quella era la strada che sua sorella aveva percorso con Leon. Non appena pensò che si fosse creata una distanza di sicurezza, Briony uscì coraggiosamente dalla casa con un ampio giro che la portò verso le scuderie e la piscina. Era sensato, sicuramente, vedere se i gemelli fossero lì, a fare gli stupidi con le pompe, o a galleggiare a faccia in giù facendo il morto, completamente indistinguibili.

Pubblicità

Lei immaginò come avrebbe dovuto descriverlo, il modo in cui dondolavano sulla liscia (gentle) superficie illuminata dell’acqua, e come i loro capelli si distendevano come tentacoli, e come i loro corpi vestiti si urtavano e si separavano delicatamente. L’aria secca della notte scivolava tra la stoffa del suo vestito e la sua pelle, e lei, nell’oscurità, si sentiva tranquilla e agile.

Non c’era nulla che non potesse descrivere: l’avanzare cauto del passo del maniaco, che si muoveva sinuosamente lungo la strada, mantenendosi sul ciglio per attutire il rumore dei propri passi. Ma suo fratello era con Cecilia, e quello era un peso in meno (lett.: “era un peso sollevato”). Avrebbe potuto descrivere anche quest’aria deliziosa, l’erba che emanava il suo dolce odore di bestiame, la terra intensamente bruciata che ancora manteneva le braci della calura del giorno ed esalava l’odore minerale dell’argilla, e la debole brezza che portava dal lago una fragranza di verde e d’argento. […]