Archivio testo: La Belle Dame sans Merci

Traduzione La Belle Dame sans Merci

JOHN KEATS

LA BELLE DAME SANS MERCI

– da POEMS –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

Lines 1 – 4

O what can ail thee, knight-at-arms,

Alone and palely loitering?

The sedge has withered from the lake,

And no birds sing.

Oh cosa può tormentarti, cavaliere in armi, che ti aggiri solitario (lett.: “solo”) e pallido? Presso il lago il carice si è seccato, e nessun uccello canta.

Lines 5 – 8

O what can ail thee, knight-at-arms,

So haggard and so woe-begone?

The squirrel’s granary is full,

And the harvest ‘s done.

Oh cosa può tormentarti, cavaliere in armi, così smunto e addolorato? Il granaio dello scoiattolo è pieno, ed il raccolto è completato.

Pubblicità

Lines 9 – 12

I see a lily on thy brow

With anguish moist and fever dew;

And on thy cheeks a fading rose

Fast withereth too.

Vedo un giglio sulla tua fronte (ossia: “Vedo il bianco esangue del giglio sulla tua fronte”) madida per il tormento e per il sudore della malattia (lett.: “e per la rugiada della febbre”); e sulle tue guance una rosa sbiadita appassisce anch’essa velocemente.

Lines 13 – 16

I met a lady in the meads,

Full beautiful – a faery’s child,

Her hair was long, her foot was light,

And her eyes were wild.

Ho incontrato una dama nei prati, bellissima – figlia di fate – i suoi capelli erano lunghi, il suo piede era leggero (ossia: “il suo passo era delicato”), ed i suoi occhi erano folli (lett.: “selvaggi, sfrenati”).

Lines 17 – 20

I made a garland for her head,

And bracelets too, and fragrant zone;

She looked at me as she did love,

And made sweet moan

Ho fatto un ghirlanda per la sua testa, ed anche dei braccialetti, ed una fascia di fiori (lett.: “ed una fascia profumata”); lei mi ha guardato come se (mi) amasse, e ha emesso un dolce lamento.

Pubblicità

Lines 21 – 24

I set her on my pacing steed,

And nothing else saw all day long,

For sidelong would she bend, and sing

A faery’s song.

L’ho appoggiata sul mio destriero al passo, e per tutto il giorno non ho guardato nient’altro, perché lei soleva sporgersi di fianco e (soleva) cantare una canzone di fata (ossia: “una canzone che mi stregava”).

Lines 25 – 28

She found me roots of relish sweet,

And honey wild, and manna-dew,

And sure in language strange she said:

‘I love thee true’.

Lei ha trovato per me (lett.: “Lei mi ha trovato”) radici dal sapore dolce, e miele selvatico e rugiada di manna, e, in una lingua sconosciuta, mi ha detto sicura: “Ti amo sinceramente!”

Lines 29 – 32

She took me to her Elfin grot,

And there she wept and sighed full sore,

And there I shut her wild wild eyes

With kisses four.

Lei mi ha condotto alla sua grotta da elfo, e lì ha pianto e ha sospirato addoloratissima; e lì io ho chiuso i suoi folli, folli occhi con quattro baci.

Pubblicità

Lines 33 – 36

And there she lullèd me asleep,

And there I dreamed – Ah! woe betide! –

The latest dream I ever dreamt

On the cold hill side.

E lì lei mi ha cullato fino a farmi addormentare, e lì io – Ah! C’è stata una maledizione! – ho sognato l’ultimo sogno che ho più sognato, sul fianco della fredda collina.

Lines 37 – 40

I saw pale kings and princes too,

Pale warriors, death-pale were they all;

They cried: ‘La Belle Dame sans Merci

Thee hath in thrall!’

Ho visto pallidi re e principi anch’essi pallidi, pallidi guerrieri: tutti loro erano pallidi come la morte; essi gridavano: “La Belle Dame sans Merci” (ossia: “La bella dama senza pietà”) ti ha in suo potere!”

Pubblicità

Lines 41 – 44

I saw their starved lips in the gloam,

With horrid warning gapèd wide,

And I awoke and found me here,

On the cold hill’s side.

Ho visto le loro bocche spalancate nell’oscurità (lett.: “Ho visto nella penombra le loro labbra logore dalla fame”), spalancate in quell’orribile ammonimento, e mi sono svegliato e mi sono ritrovato qui, sul fianco della fredda collina.

Lines 45 – 48

And this is why I sojourn here,

Alone and palely loitering,

Though the sedge is withered from the lake,

And no birds sing.

Ed è per questo che io soggiorno qui, aggirandomi solitario e pallido, sebbene presso il lago il carice si sia seccato e nessun uccello canti.