Archivio testo: Public shame

Traduzione Public shame

NATHANIEL HAWTHORNE

PUBLIC SHAME

– da THE SCARLET LETTER – THE MARKET PLACE –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

The door of the jail being flung open from within there appeared, in the first place, like a black shadow emerging into sunshine, the grim and gristly presence of the town-beadle, with a sword by his side, and his staff of office in his hand.

Mentre la porta della prigione veniva spalancata dall’interno, là (ossia: “sulla soglia”) apparve, davanti a tutti, come un’ombra nera che emergeva nella luce del sole, la feroce e macabra (grisly) presenza dell’ufficiale di giustizia cittadino, con una spada al fianco e il bastone del comando nella propria mano.

This personage prefigured and represented in his aspect the whole dismal severity of the Puritanic code of law, which it was his business to administer in its final and closest application to the offender.

Questo personaggio simboleggiava e rappresentava nell’aspetto tutta la lugubre (dismal) severità del codice di legge Puritano, che era suo compito applicare, nella sua attuazione inappellabile e più rigorosa, al colpevole.

Pubblicità

Stretching forth the official staff in his left hand, he laid his right upon the shoulder of a young woman, whom he thus drew forward, until, on the threshold of the prison-door, she repelled him, by an action marked with natural dignity and force of character, and stepped into the open air as if by her own free will.

Stringendo il bastone del comando nella sua mano sinistra, egli poggiò la destra sulla spalla di una giovane donna, che così trasse avanti, finché, sulla soglia (threshold) della porta della prigione, ella lo respinse con un gesto caratterizzato da naturale dignità e forza di carattere, e uscì all’aria aperta come di sua (spontanea) volontà.

She bore in her arms a child, a baby of some three months old, who winked and turned aside its little face from the too vivid light of day; because its existence, heretofore, had brought it acquaintance only with the grey twilight of a dungeon, or other darksome apartment of the prison.

Ella portava (to bear: “sostenere, sorreggere”) tra le braccia una neonata, una bimba di tre mesi circa, che sbatté le palpebre e girò il suo visetto altrove dalla troppo vivida luce del giorno; perché la sua esistenza, fino ad allora (heretofore), le aveva fatto conoscere solo la penombra di una segreta, o un altro oscuro locale della prigione.