Archivio testo: Terror

Traduzione Terror – Ann Radcliffe

ANN RADCLIFFE

TERROR

– da THE MYSTERIES OF UDOLPHO – VOLUME 3 – CHAPTER 2 –

– TRADUZIONE IN ITALIANO –

A return of the noise again disturbed her; it seemed to come from that part of the room, which communicated with the private stair- case, and she instantly remembered the odd circumstance of the door having been fastened, during the preceding night, by some unknown hand.

Il tornare del rumore la disturbò di nuovo; esso sembrava provenire da quella parte della stanza che comunicava con la scala interna (private: “privata”), e lei ricordò immediatamente la strana circostanza della porta che era stata chiusa a chiave (fastened), durante la notte precedente, da qualche mano ignota.

Her late alarming suspicion, concerning its communication, also occurred to her. Her heart became faint with terror. Half raising herself from the bed, and gently drawing aside the curtain, she looked towards the door of the stair-case, but the lamp, that burnt on the hearth, spread so feeble a light through the apartment, that the remote parts of it were lost in shadow.

Le venne anche in mente il suo recente allarmante sospetto, in merito al luogo con il quale comunicava. Il suo cuore cominciò a venir meno (became faint: “svenire”) dal terrore. Tirandosi su dal letto col busto (lett.: “Sollevandosi per metà dal letto”) e scostando lievemente la tenda, guardò verso la porta della scala, ma il lume che ardeva sul camino (hearth: “focolare”) diffondeva una luce così debole nella stanza, che le parti più remote di essa erano perse nell’ombra.

Pubblicità

The noise, however, which, she was convinced, came from the door, continued. It seemed like that made by the undrawing of rusty bolts, and often ceased, and was then renewed more gently, as if the hand, that occasioned it, was restrained by a fear of discovery.

Comunque il rumore che – ella era convinta – veniva dalla porta, continuò. Sembrava come quello provocato dall’apertura di catenacci arrugginiti, e spesso si interrompeva (to cease: “cessare, smettere, interrompere”), e poi riprendeva più dolcemente, come se la mano che lo provocava fosse trattenuta dalla paura di essere scoperta.

While Emily kept her eyes fixed on the spot, she saw the door move, and then slowly open, and perceived something enter the room, but the extreme duskiness prevented her distinguishing what it was.

Mentre Emily teneva gli occhi fissi sul punto (ossia: “sulla maniglia”), vide la porta muoversi e poi aprirsi lentamente, e avvertì qualcosa entrare nella stanza; l’estrema oscurità le impediva però di distinguere cosa fosse.